Il pattino Quad tradizionale «in stand-by dal 1863» presenta anomalie strutturali e funzionali dovute per lo più alla flessibilità dei gommini elastici.

"Hybrid Roller" è un esercizio di libertà: primo pattino, al mondo, stabile e sicuro come il Quad, agile e veloce come il pattino In-line. I vantaggi sono percepibili nell’affrontare le curve e nei cambi di direzione: una volta impostato l’angolo di sterzatura la traiettoria non cambia. La configurazione del telaio “monoblocco”, snella dinamica e leggera, limita il numero dei particolari assemblati e riduce decisamente la quantità del peso, del tempo e del costo di produzione. L’innovazione fa risparmiare, all’atleta, considerevoli quantità di spazio, tempo ed energie psicofisiche. L’armonia del design, concede l’uso di materiali compositi: leggeri, resilienti e antivibrazioni. Il fulcro opponente annulla qualsivoglia forza in gioco. I gommini elastici, coassiali alle ruote e solo assettanti, proteggono la meccanica di precisione. La manovrabilità del pattino è sempre controllata dell’atleta. Il dispositivo sterzante, preassemblato, non necessita di messe a ponto: il pattinatore regola, ad-hoc, la pressione dei gommini elastici con i dadi ruota…e va! L’intervento olistico ha risolto convenientemente quesiti di fisica, dinamica, cinematica, geometria, meccanica, levità e business. Il dispositivo è applicabile agli Skateboard.

Gli interessati al progetto, anche come Start-up, di seguito scopriranno dettagli squisitamente tecnici e strutturali della metamorfosi. Contatti ubicati in calce.
Vedi anche, su Facebook, Hybrid Roller.

HybridRoller
Telaio Quad Tradizionale
Quad Tradizionale
Conoscere i limiti del passato

Il pattino non perde o guadagna dinamicità, efficienza e levità senza motivo. L’errata configurazione influisce negativamente sulla performance in qualsiasi disciplina.

  • La nota stonata dei pattini Quad e degli Skateboard tradizionali è l’inaffidabilità del sistema sterzante. Di fatto, la flessibilità dei gommini elastici è la causa prima del continuo spostamento della diagonale h, la quale, variando continuamente la sua posizione, rende il fulcro Y “ballerino”. Tali irregolarità generano derive, drag e passività. Derive – Nel passo spinto, inizialmente, il pattino si dirige nella direzione contraria a quella impostata dall’atleta. I gommini elastici devono risultare ben compressi per limitare il sovrasterzo. Drag – affetto azione/reazione, ammortizzante e ritardante dovuto al cedimento strutturale dei suddetti gommini elastici. Passività – anormalità provocate dalle forze comunque applicate: specialmente in curva, l’atleta deve rialzarsi e portare le masse in posizione sfavorevole per compensare la progressività del sovrasterzo.

  • Nelle gare velocistiche di discesa libera, tipo “Verdicchio race”, appena l’atleta perde il controllo della sterzata, lo Skateboard si ribalta o va per la tangente.

  • Il perno verticale della piastra (leva di 3° genere) e le variazioni d’angolatura della crociera, richiedono tempo e materiali metallici speciali. Tutto ciò si riflette sul costo complessivo del prodotto.

Da traghettare nel futuro

"Hybrid Roller" rappresenta l’autentica evoluzione tecnologica e tecnica del Quad. L’obiettivo primario è stato quello di realizzare un pattino leggero, scattante e performante, per un target professionale. Sono stati analizzati, nel dettaglio, gli aspetti riguardanti la distribuzione delle masse, il guadagno nella sterzatura e nelle variazioni delle forze laterali «nel momento torcente, il pattino rimane in piega e percorre la curva con lo style del pattino In-line».

Il passaggio da metodi di lavorazione tradizionali, all’uso di fibre sintetiche, conferisce grossi vantaggi in termini tecnici, pratici ed economici. Il telaio monoblocco è affidabile compatto e antivibrazioni. La spinta risulta conforme all’energia applicata. Il pattino è sempre prevedibile, reattivo e affidabile.

I più svariati obiettivi sono stati raggiunti: potenziamento delle prestazioni; facilità di conduzione e comportamento sempre preciso e puntuale; logorio regolare delle ruote e ottimazione del grip; compensazione delle masse e agilità nelle curve; considerevoli guadagni di tempo, spazio e fatica; notevoli vantaggi in termini dinamici, economici e levità.

Deduzione - "Hybrid Roller" è la novità del secolo, "Alis Volat Propriis".

La somma fa la differenza
Quad + Inline The sum makes the difference
Caratteristiche
Certificazione

Patent

Evoluzione

L’esperimento riuscito fa crollare la pratica precedente. Appena messo in pista, "Hybrid Roller", si è dimostrato valido «giudizi e valutazioni supportati dagli atleti».

Design

L’evoluzione ha suscitato curiosità, emozione e desiderio.

Tecnologia

L’uso di materiali sintetici ha reso "Hybrid Roller" oltremodo competitivo.

Metamorfosi

"Hybrid Roller" è un pattino Quad «Patented» di livello superiore, capace di trasformare la novità in opportunità. "Ad maiora semper".

Conclusione

La consapevolezza di usare un mezzo agile, scattante e leggero è determinante per il conseguimento di fantastiche prestazioni.

Testimonianze

Ho avuto modo di provare il pattino all'inizio del progetto, condividendo con il signor Antonio alcune sensazioni e impressioni che spero gli siano state utili. Sicuramente un modo innovativo di pensare al pattino.

Annalisa G.
Annalisa G.

Pluricampionessa di Pattinaggio Artistico

Negli esercizi obbligatori, HybridRoller sorprende per la regolarità di movimento sulla traccia. La riprova definitiva sta nell’efficacia dello slancio per il salto e nell'efficienza e sicurezza nell'atterraggio.

Roller Marche
Stefania e Pamela P.

Allenatrici di Pattinaggio Artistico

Ritengo HybridRoller un pattino Quad stabile, scattante e veloce; proprietà sostanziali negli sport di contatto.

Mauro P.
Mauro P.

Esperto di Pattinaggio a Rotelle

Contattaci